Davide Perisco - Hai una visione molto dinamica del Museo: attrae, informa e si rigenera anche grazie ai visitatori. Come?